Ati3 Monitoraggio

Atlante dei prodotti tipici

archeologia dell’acqua

NEWS per categoria

Calendario News

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Link al vecchio sito

ATO Umbria 3
ATO Umbria 3

Spoleto – I ragazzi delle scuole elementari ripiantano i platani abbattuti

Dopo gli atti vandalici del giugno scorso, quando ignoti hanno abbattuto, nel parco della piscina comunale, decine di platani, i ragazzi della scuola elementare di Villa Redenta, della Francesco Toscano e della G. Sordini, in occasione della Settimana Unesco sul Paesaggio e della Festa dell’albero 2013, sono stati protagonisti oggi di una iniziativa concepita per offrire un gesto simbolico sia per sensibilizzare i giovani al rispetto del bene pubblico ma anche per rispondere, attraverso un atto concreto, ad un episodio increscioso.

 

Gli alunni, insieme agli operai dell’Agenzia Forestale e i tecnici di Ufficio Ambiente e Scolastico del Comune e dell’ufficio Sport, hanno messo a dimora alcune piante di specie autoctone proprio per sostituire quelle abbattute nei mesi scorsi.

 

Erano presenti il vicesindaco Stefano Lisci e l’assessore alla formazione Battistina Vargiu che hanno sottolineato come l’iniziativa a cadenza annuale di far piantare ai bambini delle scuole nuovi alberi, quest’anno assuma particolare significato perché lancia un segnale forte e d’impatto dopo un episodio increscioso . Veicolare il rispetto per l’ambiente attraverso la sensibilità dei bambini – hanno spiegato gli assessori – è il modo migliore per arrivare a parlare anche a tanti adulti.

 

Non si ferma a questa giornata il progetto con le scuole perché si proporrà alle classi di elaborare, con il supporto di esperti, un percorso didattico di sensibilizzazione alla tutela e alla manutenzione di quelle stesse piante interrate dagli studenti.  Attraverso la cura degli alberi, pertanto, si mira ad incentivare il processo di formazione di una cittadinanza attiva e consapevole, in grado di ripensare le proprie azioni, promuovere  un’etica della responsabilità e garantire il trasferimento dei valori di legalità e l’assunzione dei comportamenti ispirati al rispetto delle regole di convivenza civile.