Ati3 Monitoraggio

Atlante dei prodotti tipici

archeologia dell’acqua

NEWS per categoria

Calendario News

ottobre: 2020
L M M G V S D
« Feb    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Link al vecchio sito

ATO Umbria 3
ATO Umbria 3

Intervista ad Enrico Bastioli, Sindaco di Bevagna

1.      Quali sono al momento i problemi più importanti del Comune da Lei guidato?


Per quanto concerne acquedotti e fognature noi vorremmo portare  a compimento quanto pianificato nel Piano d’Ambito.

Per quanto riguarda invece il settore Rifiuti ritengo indispensabili ed urgenti delle nuove attrezzature su Bevagna e soprattutto fare in modo  che ci sia maggior controllo per quanto concerne il servizio di pulizia del centro storico e delle frazioni che è previsto un giorno si e uno no e che invece salta un po’ troppo spesso…”


2.      Quali iniziative sono in corso e quali intendente predisporre per la soluzione di tali problemi?


Mi vedo con cadenza periodica con i responsabili della Vus per mettere in campo tutte le strategie necessarie per risolvere eventuali problematiche.


3.      Perché è importante che la gestione dell’acqua resti pubblica nell’ambito ATI 3?


Qui c’è una grande discussione. Tutta la proprietà e la gestione delle reti è in capo all’ATI, mentre ora per la manutenzione ed altro dovremmo consegnare il 40% ad un privato. In altri casi abbiamo visto che con questa soluzione non ci sono stati grandi risultati:

1.      Servizio buono con costi adeguati tanto è vero che l’acqua del nostro Ati è la meno costosa rispetto agli altri Ambiti;

2.      Sarebbe importante secondo me che l’attuale situazione venisse mantenuta e migliorata, sempre nell’ottica del mantenimento del servizio.


4.      Si vocifera di un ATO unico regionale: come vede il rischio che i cittadini del nostro territorio vadano a pagare molto di più per acqua e rifiuti, come accade a Perugia e Terni?


L’Italia ed il mondo intero sono in crisi spaventosa e serve un elemento di razionalizzazione di questi Enti. Con la riforma la Regione vorrebbe creare un ATO unico, una Holding per i trasporti, un’unica agenzia forestale… Due gli elementi che mi preoccupano. Se abbiamo ottenuto risultati è perché abbiamo ottimizzato e la mia preoccupazione è che l’ATI 3 magari vada a scontare costi maggiori degli altri Ambiti.


5.      Entro il 31 dicembre 2011 dovrà essere approvato il Piano d’Ambito ed espletata la gara per la gestione dei rifiuti dell’ATI 3. Quale gestione e/o socio privato si auspica?


Dobbiamo arrivare come ATI a quanto indicato dal Piano Regionale dei Rifiuti e abbiamo due problemi: raggiungere il 65% della raccolta differenziata e in questo dovrebbe subentrare la Regione con degli aiuti mirati, così come sta facendo attualmente. Inoltre c’è da considerare il 35% che resta fuori con la discarica che ha ancora un anno circa di vita e se in questa direzione la Regione non prende provvedimenti la mia preoccupazione mi porta a pensare che sarà impossibile riuscire a mantenere l’attuale tariffa perché i costi, inevitabilmente, aumenterebbero.


6.      Ci sveli qual è una cosa del Suo Comune di cui è particolarmente orgoglioso.


Il completo recupero del nuovo centro di accoglienza turistico di S. Maria Laurentia.


7.      Ci sveli ora invece qual è una cosa, sempre del Suo Comune, di cui non va orgoglioso.


Un più corretto modo di fare dei miei concittadini nei confronti dell’organizzazione della raccolta dei rifiuti, essere sempre più attenti alla salvaguardia del territorio.


8.      Cosa manca alla Sua città?


Manca soprattutto il rifacimento delle pavimentazioni del Centro storico nonché delle reti tecnologiche che non hanno avuto l’opportunità di rientrare nell’ambito dei finanziamenti del terremoto. Il costo è rilevante e non è assolutamente alla portata di un’Amministrazione comunale, comunque cercheremo di lavorare per ottenere o programmare con interventi a stralcio prendendo come punto di riferimento il progetto generale.


9.      Che desiderio ha per la Sua città?


Quello di poter lasciare un territorio dinamico, coeso tra le istituzioni, i cittadini ed il mondo dell’associazionismo e del volontariato per tutto il lavoro che hanno svolto e le iniziative che vengono realizzate. Per tutti un grande ruolo di riconoscimento, nel confronto delle idee, guardando sempre avanti ed ottenre enuovi traguardi.


10.  Invii un messaggio ai Suoi cittadini.


Lavorare tutti insieme per il bene di questo territorio, cercando sempre di affrontare i problemi che si evidenziano di volta in volta.