Ati3 Monitoraggio

Atlante dei prodotti tipici

archeologia dell’acqua

NEWS per categoria

Calendario News

maggio: 2016
L M M G V S D
« apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Link al vecchio sito

ATO Umbria 3
ATO Umbria 3

Intervista a Claudio Guerrini, Sindaco di Sellano

  

1.      Quali sono al momento i problemi più importanti del Comune da Lei guidato?


Il problema più consistente riguarda la viabilità poiché sulle nostre strade è necessario intervenire al più presto essendo molto rovinate anche e soprattutto dal passaggio dei mezzi pesanti per la ricostruzione. Speriamo peraltro che con la Variante Val di Chienti il nostro Comune di Sellano, come altri dell’Alta Valnerina, ottengano lo svincolo come promesso dalla ditta Quadrilatero anche per incentivare il turismo tradizionale e religioso.


2.      Quali iniziative sono in corso e quali intendente predisporre per la soluzione di tali problemi?


Ora stiamo valutando se intervenire con i finanziamenti per il Piano Sviluppo Rurale oppure con un Mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti, ma ci stiamo muovendo con impegno su più fronti.

In primis, ultimare la ricostruzione. Per quanto riguarda le infrastrutture apriamo in questi giorni le buste della gara cui hanno partecipato 133 ditte inerente la pavimentazione peer il secondo ed ultimo stralcio. Portare a termine il progetto di recupero del Castello Monte Santo (ex Palazzo Comunale) dove dovrebbe sorgere la Facoltà di Matematica, Fisica e Scienze. Successivamente dovremmo fare la gara per la pabimentazione di Monte Santo. Dobbiamo poi ultimare le opere di urbanizzazione del Castello di Postignano, dove sorgerà il Centro Nazionale Gioco Bridge. Per Natale invece speriamo di aver ultimato i lavori della Chiesa S.Maria Assunta dove sono praticamente trent’anni, dal terremoto del 17979 passando per quello del 1997), che i sellanesi non vanno. Per luglio 2011 contiamo invece di aver completato il nuovo centro Polifunzionale per Scuola, Asl, Archivio e palestra. Tutto questo per dare valore e sviluppo al nostro territoriosiamo il terzo Comune della Valnerina) e per dare uno sbocco occupazionale. Stiamo lavorando poi per ultimare l’ex centro commerciale Villamagina al fine di realizzarci una residenza protetta per anziani.

Abbiamo poi redatto un progetto per la bonifica e valorizzazione del Lago Valle del Vigi, posto in prossimità delle bellissime cascate delle Ruote, dove vengono molti visitatori a godersi queste zone incontaminate e tranquille. Sono previsti parcheggio per bus/aula verde  per gli studenti che così avranno la possibilità di conoscere queste bellezze naturali. Il tutto ovviamente nell’ottica di valorizzazione del nostro territorio.

L’obiettivo principale in assoluto resta comunque quello di rivedere il più presto possibile tutte le case del centro storico abitate.


3.      Perché è importante che la gestione dell’acqua resti pubblica nell’ambito ATI 3?


Per un miglior funzionamento del servizio evitando sullo stesso delle speculazioni.


4.      Si vocifera di un ATO unico regionale: come vede il rischio che i cittadini del nostro territorio vadano a pagare molto di più per acqua e rifiuti, come accade a Perugia e Terni?


Non la vediamo come una soluzione, anzi. Quando siamo entrati in Vus il nostro Comune aveva la materia prima e le condutture tutte in regola e invece abbiamo contribuito anche noi per quei Comuni che invece dovevano intervenire. Creando ora un Ati unico la situazione si rinnoverebbe con l’Ati £ un po’ come il Comune di Sellano in quella circostanza…

Mi piace sottolinea, in questa  circostanza, come il nostro sia l’unico Comune che non si avvale dell’addizionale Irpef e neanche dell’Autovelox come invece avviene in molti altri Comuni che alla fine ci fanno il Bilancio…


5.      Entro il 31 dicembre 2011 dovrà essere approvato il Piano d’Ambito ed espletata la gara per la gestione dei rifiuti dell’ATI 3. Quale gestione e/o socio privato si auspica?


Una gestione che sia funzionale evitando gli sprechi e l’aumento dei prezzi che a carico dei cittadini. Per questo noi facciamo ancora tutto da soli con mezzi propri e nostro personale.


6.      Ci sveli qual è una cosa del Suo Comune di cui è particolarmente orgoglioso.


Essere rimasti a portare avanti tutti questi numerosi progetti per lo sviluppo in cui nessuno credeva, vista la diffidenza diffusa.


7.      Ci sveli ora invece qual è una cosa, sempre del Suo Comune, di cui non va orgoglioso.


Che non tutta la popolazione capisce lo sforzo di questa amministrazione per lo sviluppo del territorio. Alcuni settori purtroppo non condividono questo nostro metodo trasparente e funzionale e l’accordo politico alle ultime amministrative (con PD e PDL insieme) ne è la prova e queste persone non si rassegnano alla volontà espressa dalla maggioranza dei cittadini.


8.      Cosa manca alla Sua città?


Purtroppo siamo carenti dal punto di vista ricettivo in quanto l’unico albergo presente non è ancora funzionale visto che per lo stesso non riesce a decollare la ricostruzione, nonostante abbia già preso i dovuti finanziamenti


9.      Che desiderio ha per la Sua città?


Quello, una volta ultimati tutti i lavori elencati della ricostruzione ed andati in porto tutti i progetti elencati, di vedere i giovani non più costretti ad emigrare ma vogliosi di rimanere sul posto, trovando occupazione nei vari progetti descritti evitando così lo spopolamento.


10.  Invii un messaggio ai Suoi cittadini.


Di stare tranquilli, questa Amministrazione Comunale farà  tutto il possibile per salvaguardare il nostro territorio ringraziandoli non solo ancora una volta per la fiducia espressa, ma soprattutto per aver subito due calamità naturali con un comportamento ed una sopportazione unica al mondo ed è per questi motivi che cercheremo di non deluderli, anche perché siamo amministratori residenti sul posto e conosciamo le problematiche, e ci teniamo, anche quando non saremo più amministratori, a ricordare che il nostro territorio è tornato, non solo alla normalità, ma allo sviluppo che tutti ci auguriamo.