Ati3 Monitoraggio

Atlante dei prodotti tipici

archeologia dell’acqua

NEWS per categoria

Calendario News

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Feb    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Link al vecchio sito

ATO Umbria 3
ATO Umbria 3

Funzioni

Art. 7  Statuto ATI 3

1.   L’Assemblea di Ambito è titolare della funzione di indirizzo generale e delibera con i due criteri congiunti seguenti: voto favorevole del settantacinque per cento dei Comuni che rappresentano il settantacinque per cento della popolazione dell’A.T.I, sui seguenti atti di maggior rilevanza:
a)    bilancio di previsione;
b)   conto consuntivo;
c)    piano d’ambito del servizio idrico integrato, dei rifiuti e del sociale;

2.   Laddove sugli atti di cui al precedente comma, sussista l’obbligo di provvedere ed il quorum ivi previsto non venga raggiunto, l’Assemblea di Ambito delibera a maggioranza assoluta decorsi trenta giorni dall’iscrizione dei medesimi atti all’ordine del giorno .

3.   Le variazioni degli atti di cui al primo comma sono approvate dall’Assemblea  con la stessa maggioranza del primo comma e cioè del settantacinque per cento  dei Comuni che rappresentano il settantacinque per cento della popolazione dell’ambito, fermo quanto stabilito al comma 2.

4.   Inoltre l’Assemblea di Ambito:
a)   adotta la Convenzione e lo Statuto da sottoporre all’approvazione dei Consigli comunali;
b)   approva le modifiche statutarie;
c)   esercita la potestà regolamentare e definisce i criteri generali sull’ordinamento degli uffici e dei
servizi (regolamento di organizzazione);
d)   approva le tariffe, e le sue articolazioni,  relative alle funzioni ed ai servizi attribuiti  all’A.T.I.;
e)   nomina il Presidente ed il suo Vice;
f)    nomina il Collegio dei Revisori dei Conti e ne determina il trattamento economico;
g)   individua le forme e le modalità di gestione dei servizi, approvando, pure, il contratto di servizio – tipo;
h)   approva le carte della qualità dei servizi.

5.   Gli atti di maggior rilevanza, escluse le variazioni del comma 3) sono trasmessi ai Comuni partecipanti. Il Consiglio comunale si esprime entro trenta giorni dal ricevimento. Decorsi trenta giorni dal momento in cui ciascun Consiglio comunale ha ricevuto la proposta di atto di maggior rilevanza  l’Assemblea di ambito può procedere a deliberare.

6.   Le deliberazioni, in ordine agli argomenti di cui al presente articolo, non possono essere adottate in via d’urgenza da altri organi, salvo quelle attinenti alle variazioni di bilancio che possono essere adottate, in caso di urgenza, con decreto del Presidente e devono essere sottoposte a ratifica dell’Assemblea, a pena di decadenza, nei sessanta giorni successivi all’adozione.